testata_amos_01.jpgtestata_amos_02.jpgtestata_amos_03.jpg

Il regolamento aziendale è scaricabile in formato Pdf. Per visualizzarlo è necessario Adobe Reader o un applicativo compatibile.

L'ultima versione è la rev. 20 del 24/07/2012.

L'organigramma Amos è aggiornato al 26 maggio 2014.

Gli obiettivi della società:

  • Migliorare la qualità e l’efficienza dei servizi offerti ai cittadini 

  • Agire in una logica di maggiore integrazione e coordinamento

  • Garantire la continuità e l’efficienza dei servizi in regime di blocco delle assunzioni e contenimento dei costi

  • Ottenere economie di scala

  • Razionalizzare servizi attraverso la loro centralizzazione e concentrazione

  • Condividere elementi d’alta tecnologia e di elevata automazione



AMOS può ampliare e sviluppare la propria attività indirizzandosi verso tre macro aree coerenti con lo Statuto:

  1. Sviluppo, potenziamento, consolidamento delle attività già in corso (tradizionali).
  2. Attività su potenziali aree di sviluppo su nuovi progetti e nuovi percorsi operativi richiesti dall’utenza.
  3. Attività connesse all’utilizzo e diffusione delle competenze acquisite e generate da AMOS.

 

1. Sviluppo, potenziamento, consolidamento delle attività già in corso (tradizionali)

I Servizi che gravitano attorno alle strutture ospedaliere (ad es. ristorazione, movimentazione beni e persone, logistica interna, attività amministrativa, ingegneria clinica, Information technology, sterilizzazione, manutenzioni, gestione bar interni, pulizie/sanificazione, laboratorio analisi, ecc…) sono l’oggetto privilegiato dell’esternalizzazione nell’ambito delle collaborazioni Pubblico/AMOS, mentre quelli più prossimi all’area sanitaria fanno parte delle attività strategiche di pertinenza pubblica.

Tra queste due tipologie di servizio, si colloca una moltitudine di attività che possono diventare oggetto di formule di gestione (es. gestione ausili e protesica). Così facendo la Pubblica Amministrazione, attraverso l’outsourcing, può meglio concentrarsi nella:

  • focalizzazione sulle specifiche funzioni sanitarie, tralasciando quelle meno rilevanti;
  • effettivo controllo sulle attività difficili da gestire;
  • concentrazione delle risorse umane e finanziarie sulle attività di rilevanza strategica;
  • accelerazione dei processi interni di cambiamento e di riorganizzazione interne alle singole strutture

 

2. Attività su potenziali aree di sviluppo su nuovi progetti e nuovi percorsi operativi

La seconda attività, nella quale AMOS può creare valore, è lo sviluppo di nuovi progetti come, ad esempio:

Terziarizzazione dell’attività logistica

Trattasi di progetto di affidamento in “house providing” delle attività di logistica integrata i cui obiettivi sono di migliorare il processo di distribuzione dei prodotti e di ottenere una riduzione dei costi di gestione anche attraverso l’eventuale cessione ad AMOS del contratto di locazione dei capannoni destinati allo svolgimento di gran parte dell’attività. Ad AMOS può essere richiesto di realizzare uno studio di fattibilità relativo agli aspetti progettuali, organizzativi ed economici della prospettata collaborazione.

 

3. Attività connesse all’utilizzo e diffusione delle competenze acquisite e generate da AMOS.

Rientrano in questo ambito quelle attività alle quali, in maniera episodica, siamo chiamati a partecipare/contribuire.

In particolare:

  • il “Modello AMOS” (Roma 06 ottobre 2009)
  • la Gestione del Laboratorio Analisi (Verona 12 ottobre 2009)

risultano essere concreti modelli ed esempi “monitorati” da altri enti ed istituzioni.

L’attività di CONSULTING non si configura quale attività di natura REDDITUALE, ma rappresenta una sorgente di cultura e di sapere.

 

Suddivisione dei settori di attività

 
1. Attività ECONOMALI
  • Ristorazione
  • Servizi amministrativi e di accoglienza
  • Movimentazione beni e persone
  • Camere mortuarie
  • Archivio sanitario e amministrativo
  • Gestione ausili protesici
  • Unità Valutazione Organizzazione Screening
  • Mediazione culturale
  • RSA Racconigi
  • Servizio sanitario di supporto

 

2. Attività TECNICHE

  • Sorveglianza e sicurezza
  • Ingegneria clinica
  • Servizi IT
  • Servizi CUP Recall automatizzati

 

3. Attività DI SUPPORTO SANITARIO

  • Radiodiagnostica
  • Laboratorio Analisi
  • Ecocardiografia
  • Prelievi
  • Cure sanitarie domiciliari
  • Litotrissia ortopedica
  • Gestione reparto Lungodegenza
  • Gestione reparto Geriatria

 

 

 

 

 

 

TUTTA LA STORIA DI AMOS

La società AMOS venne costituita il 4 ottobre 2004, quale società per azioni (S.P.A.) per la fornitura di beni e la prestazione di servizi complementari e di supporto all’attività sanitaria, ospedaliera e territoriale nell’ambito della sperimentazione gestionale nel settore sanitario di cui all’art. 9-bis del D.Lgs. 30 dicembre 1992 n. 502 e successive modificazioni approvata dalla Regione Piemonte con deliberazione della Giunta regionale n. 27 – 10194 del 1° agosto 2003.

In allora la composizione del capitale sociale pari ad euro 1.200.000,00 era la seguente:

SOCI PUBBLICI detentori complessivamente del 70,10%:

Azienda Ospedaliera S. Croce e Carle di Cuneo per un valore nominale pari ad euro 517.200,00 corrispondenti al 43,10% (valore così raggiunto a seguito rinuncia STI S.p.A.);

A.S.L. 15 di Cuneo per un valore nominale pari ad euro 48.000,00 corrispondenti al 4%;

A.S.L. 16 di Mondovì – Ceva per un valore nominale pari ad euro 120.000,00 corrispondenti al 10%;

A.S.L. 17 di Savigliano per un valore nominale pari ad euro 120.000,00 corrispondenti al 10%;

A.S.L. 18 di Alba – Bra per un valore nominale pari ad euro 36.000,00 corrispondenti al 3%;

 

SOCI PRIVATI  scelti con procedura ad evidenza pubblica detentori complessivamente del 29,90%:

Idrocentro S.p.a. per un valore nominale pari ad euro 48.000,00 corrispondente al 4%;

CON.I.COS. Partecipazioni generali S.p.a. per un valore nominale pari ad euro 49.200,00 corrispondenti al 4,10%;

Riccobono S.p.a. per un valore nominale pari ad euro 48.000,00 corrispondenti al 4%;

DCS S.r.l. per un valore nominale pari ad euro 48.000,00 corrispondenti al 4%;

Markas Service S.r.l. per un valore nominale pari ad euro 58.200,00 corrispondenti al 4,85%;

H.C. Hospital Consulting S.r.l. per un valore nominale pari ad euro 49.200,00 corrispondenti al 4,10%;

G.P.I. Gruppo per l’informatica S.r.l. per un valore nominale pari ad euro 58.200,00 corrispondenti al 4,85%

Nell’estate del 2008, conclusa la sperimentazione su indicazione della Regione Piemonte ed alla luce del contesto

normativo venutosi a creare, la Società subisce una profonda ristrutturazione:

1)Recedono i soci privati uscendo pertanto dal capitale sociale e diventando la società interamente posseduta da soci pubblici, che nel frattempo nell’ambito del riordino societario hanno subito accorpamenti, con l’ampliamento degli stessi a seguito dell’ingresso dell’Azienda Sanitaria Locale di Asti.

L’attuale composizione del capitale sociale pari ad euro 663.000,00 è la seguente:

 

- Azienda Ospedaliera S. Croce e Carle di Cuneo per un valore nominale pari ad euro 237.393,72 corrispondenti al 35,8060%;
- Azienda Sanitaria Locale CN 1 (ex ASL 15, 16 e 17) per un valore nominale pari ad euro 226.990,02 corrispondenti al 34,2368%;
- Azienda Sanitaria Locale CN 2 (ex ASL 18) per un valore nominale pari ad euro 28.373,75 corrispondenti al 4,2796%;
- Azienda Sanitaria Locale AT per un valore nominale pari ad euro 170.242,51 corrispondenti al 25,6776%.
 

2)   La società trasformata in società a responsabilità limitata e con un nuovo statuto meglio rispondente alle mutate esigenze legislative inizia un nuovo corso prevedendo l’erogazione dei servizi esclusivamente a favore dei soci a seguito di affidamento diretto (“in house”) e nel pieno rispetto dei principi nazionali e comunitari che limitano tali attività e che impongono il cosiddetto “controllo analogo”.

Con tale riorganizzazione societaria le funzioni di indirizzo, vigilanza, programmazione e controllo dell’operato della società da parte degli enti soci debbono assicurare che i livelli e le condizioni di svolgimento dell’attività, anche con riferimento a standard quali-quantitativi, siano conformi al contratto di servizio ed adeguati alle esigenze degli utenti.

Le operazioni straordinarie sopra sintetizzate si sono concluse nel dicembre 2008 ed a partire da tale data è iniziata una nuova fase della società caratterizzata da una riorganizzazione generale. 

Dal 1° Ottobre 2010 la Società cambia Ragione Sociale e da Società a Responsabilità Limitata si è trasformata in S.C.R.L. (Società Consortile a Responsabilità Limitata). 

© AMOS Scrl - Tutti i diritti riservati - Partita IVA 03011180043